Unlimited Powerpoint templates, graphics, videos & courses! Unlimited asset downloads! From $16.50/m
Advertisement
  1. Business
  2. Communication
Business

Che cosa è l'ascolto attivo (+ 9 competenze per diventare un ascoltatore migliore)

by
Difficulty:BeginnerLength:LongLanguages:

Italian (Italiano) translation by Cinzia Sgariglia (you can also view the original English article)

Avete mai avuto un argomento dove continuate a spiegare la vostra idea, ma non importa quante volte la ripetete o riformulate, è come se non riusciste a far capire il punto della situazione?

Avete mai parlato con qualcuno che costantemente sta controllando il cellulare? È probabile che la persona con cui parlavate abbia sentito quello che avete detto, ma niente di più.

Non era attento, e c'è una grande possibilità che non abbiano fatto uno sforzo per capire quello che stavate dicendo. In breve, non vi stavano ascoltando attivamente.

active listening
Un buon contatto visivo è una parte importante dell'ascolto attivo.

In questo articolo, imparerete l'ascolto attivo e scoprirete come migliorare la vostra capacità di ascolto.

In ogni caso, che cos'è l'ascolto attivo?

Comprendere la definizione di ascolto attivo è il primo passo per migliorare la vostra capacità di ascolto attivo.

Le persone ascoltano in due modi. Ascoltare la musica mentre guidano, guardare la TV mentre si mangia e ascoltare una conferenza mentre si prendono appunti, sono tutti esempi di ascolto passivo. State ascoltando, ma non avete nessuna intenzione di rispondere, e la vostra mente vaga ogni tanto.

L'ascolto attivo, d'altra parte, significa dedicare la massima attenzione a chi parla e dare poi una risposta ponderata a quanto hanno detto.

Tre componenti dell'ascolto attivo

  1. Comprendere. L'ascoltatore presta attenzione al linguaggio verbale e non verbale di chi parla per comprendere appieno quello che stanno cercando di comunicare.
  2. Memorizzare. L'ascoltatore prova a ricordare i punti chiave del messaggio di chi parla utilizzando la loro memoria o tramite appunti.
  3. Rispondere. Rispondete a chi parla per confermare la vostra comprensione del loro messaggio e per promuovere una discussione sull'argomento. Questo accade solo dopo aver analizzato e ricordato quello che ha detto (componenti uno e due).

Perché è importante l'ascolto attivo?

Può sembrare un compito noioso rispetto all'ascolto passivo, ma come il problem solving e la creatività, l'ascolto attivo è un'abilità soft che può migliorare più aree della vostra vita.

La capacità di gestire una squadra, ottenere una promozione, costruire relazioni, evitare il conflitto, crescere i figli e persuadere le persone migliorano tutte così come le vostre capacità di ascolto. Ecco perché l'ascolto attivo è importante da padroneggiare.

L'ascolto attivo vi tira fuori da ciò che sta succedendo nella vostra testa verso le idee e le emozioni che l'oratore sta condividendo, in modo da poter utilizzare queste informazioni per rispondere meglio.

Come migliorare la vostra capacità di ascolto passo dopo passo

Ora conoscete i benefici dell'ascolto attivo. Adesso è il momento di imparare a migliorare le capacità di ascolto passo dopo passo.

1. Guardare chi parla

Guardate il vostro partner di conversazione. Non guardate il telefono, l'orologio o altre persone. Guardate chi sta parlando, anche se non vi guardano come nel caso di lezioni o seminari.

Guardare il vostro interlocutore non dev'essere inquietante. Potete guardare altre cose di tanto in tanto, ma non così frequentemente da diventare evidente. Se vi sentite strani a fissare l'altra persona negli occhi, guardate invece alle loro spalle o ad altre parti del loro viso.

2. Immaginare cosa si sta comunicando

I modelli visivi e mentali si formano naturalmente nella vostra mente quando ascoltate le informazioni. Questo è normale ed è un segno che tutti i vostri sensi sono impegnati ad analizzare ciò che l'altra persona sta dicendo.

Ricordate le parole chiave, le date, le frasi e altri dettagli per aiutarvi a formare un quadro più chiaro della storia dell'altra persona.

3. Trattenere il giudizio

A volte, le persone ascoltano solo per aiutare a formulare una risposta. Questo non è ascolto attivo.

Ascoltare con tutta la vostra attenzione significa rimanere neutrali e che non formulare alcuna opinione su ciò che la vostra controparte sta dicendo finché non ha finito di parlare.

È inevitabile avere sentimenti negativi verso l'idea di un'altra persona di volta in volta, ma non soffermatevi su questi sentimenti troppo a lungo. Non gemete interiormente e non dite, "certo che non funziona!" perché l'attenzione e la comprensione dell'idea della controparte viene compromessa, non appena indulgete in questi sentimenti negativi. Ricordate, i buoni ascoltatori sono aperti a nuove idee anche quelle che contraddicono le loro credenze.

4. Non interrompere

Interrompere la persona che sta parlando con voi, non solo vi rende scortesi, limita anche l'assorbimento delle informazioni che vi vengono trasmesse.

Non finite le frasi di altra persona, anche se pensate di sapere che cosa stanno per dire. Chi termina le frasi spesso sbaglia perché sta seguendo il suo modo di pensare — non quello di chi parla.

Salvate la vostra domande e le contro-argomentazioni per più tardi, anche se chi parla sta discutendo l'argomento esatto della vostra domanda. Interrompere qualcuno nel mezzo di una spiegazione può causargli di perdere la loro linea di pensiero, e inoltre, c'è una possibilità che la vostra domanda o contro-argomentazione sarà affrontata nella loro spiegazione dopo quindi non è necessario interrompere all'inizio.

5. Riflettere e chiarire

Riflettere e chiarire sono due modi per assicurarsi che voi e la vostra controparte siate sulla stessa lunghezza d'onda.

Riflettere significa ripetere ciò che ha detto l'altra persona con parole vostre per confermare che avete capito il loro messaggio, mentre chiarire significa fare domande esplorative per chiarire possibili malintesi. Entrambe le tecniche lavorano mano nella mano per rendere dare a chi parla la sensazione di essere ascoltato e assicurare che non ci sia alcun tipo di incomprensione.

Esempi di dichiarazioni chiare e di riflessione:

  • "Allora, ti ho sentito dire che..."
  • "Ho capito che ti sentivi..."
  • "Torna indietro un momento, che cosa volevi dire con...?"
  • "Cosa considereresti come...?"

6. Riassumere

Riassumere è simile a riflettere, tranne che quando riassumete state mettendo in chiaro che state per proseguire oltre l'argomento attuale. Quando riepilogate, spiegate solo i punti principali dell'argomento generale della controparte, i dettagli minuziosi che avete dovuto chiarire prima non sono più importanti in questa parte della conversazione.

7. Condividere o rispondere

Potreste pensare che questa è solo un'altra variante dei passaggi 5 e 6. Non lo è. Sì, siete voi che parlate nei due passi precedenti, ma avete parlato solo per confermare di aver capito il messaggio dell'altra persona.

Ora che avete guadagnato una migliore comprensione del loro messaggio, è il vostro turno di presentare le vostre idee ed emozioni nella conversazione. Dovete attraversare tutti i passaggi precedenti in primo luogo prima che di guadagnare il privilegio di condividere i vostri pensieri. In questo modo, la controparte non avrà la sensazione che state dando spazio ai vostri argomenti solo perché vi siete presi del tempo per avallare prima i loro sentimenti e le loro idee.

Suggerimenti per l'ascolto efficace

  • Essere onesti, ma affermare le proprie opinioni con rispetto.
  • Se avete paura che i vostri suggerimenti saranno visti come un tentativo di controllare le azioni dell'altra persona, introducete i vostri suggerimenti con, "se fosse accaduto anche a me, avrei..."

9 tecniche di ascolto attivo

Praticate i seguenti esercizi di ascolto attivo in ogni conversazione che avete. Fate attenzione però, poiché alcuni di questi suggerimenti potrebbero non essere appropriati in determinate situazioni o culture. In caso di dubbio, seguite il vostro istinto o osservate come le persone intorno a voi stanno tenendo le loro conversazioni.

1. Sorridere e annuire

Sorridere di tanto in tanto suggerisce che siete d'accordo con il messaggio di chi vi parla. Se combinate questo con dei cenni del capo e l'occasionale "uh uh", la persona che sta parlando con voi sentirà che state prestando attenzione al loro messaggio.

Sorridere e annuire non è sempre appropriato, naturalmente. Non dovreste sorridere se state ascoltando una cattiva notizia o siete stati rimproverati. Non dovreste neanche annuire quando non siete d'accordo con quello che state sentendo. In entrambi i casi, sarebbe sufficiente un semplice "Capisco" o "Ho capito".

2. Contatto visivo

Mantenere il contatto visivo è difficile perché non tutti sono a proprio agio a farlo, o di essere l'unico con lo sguardo fisso del resto. Non c'e' una durata perfetta di quanto tempo si suppone che guardiate la vostra controparte, dipende solo da voi e dall'altra persona. Dovrete essere spontanei. Steven Aitchison, esperto di imprenditoria sociale, suggerisce di rompere il contatto con gli occhi ogni cinque secondi guardando di lato, come se stesse cercando di ricordare qualcosa.

Se siete preoccupati che il vostro sguardo sia troppo profondo o un po' pauroso, esercitatevi a rilassare il vostro viso e gli occhi faranno lo stesso. Chiudete gli occhi per alcuni secondi e respirate profondamente. La vostra espressione del viso sarà più rilassata quando li aprite.

3. Postura

Potete dire molto sull'interesse di una persona per quello che state dicendo attraverso il suo linguaggio del corpo. Le braccia conserte suggeriscono che l'ascoltatore è sulla difensiva o non è d'accordo con il messaggio di chi sta parlando, per esempio.

Gli ascoltatori attenti tendono a inclinarsi verso la persona che sta parlando. A volte, la loro testa è appoggiata lateralmente o appoggiata su una mano. Potete imparare di più sul linguaggio del corpo qui:

4. Mirroring

Il mirroring è l'atto di imitare le espressioni facciali della persona che sta parlando e viene spesso utilizzato per mostrare simpatia e intesa con il loro messaggio.

Per esempio, un amico che ha appena accettato un nuovo lavoro vi dà la notizia con uno sguardo eccitato sul loro volto. Come amico che mostra il suo sostegno, la reazione naturale sarebbe di sorridere e apparire eccitato.

5. Praticare l'empatia

Mettetevi nei panni di un'altra persona. Provate a sentire quello che l'altra persona sta provando mentre sta parlando con voi. Immaginate voi stessi nella loro situazione. Cosa vi sentireste? Come reagireste? Questo è praticare l'empatia.

Non confondetela con la compassione, che è semplicemente l'atto di sentirsi dispiaciuto per la miseria altrui, secondo Psychology Today. Quando siete empatico, vi sentite interessato al benessere di un'altra persona e gli augurate di sentirsi meglio. L'empatia va oltre la commiserazione perché quando empatizzate, non solo vi sentite dispiaciuti per la persona, ma state anche cercando di vedere la situazione dal loro punto di vista.

L'empatia è utile per comunicare le esperienze stressanti e difficile da spiegare, perché alcune storie sono solo difficili da spiegare — dovete essere lì per capire.

Date un'occhiata a questa guida per saperne di più su come praticare l'empatia sul posto di lavoro:

6. Evitare le distrazioni

Disattivate le notifiche del telefono e non agitatevi troppo, poiché questo distrae la persona che sta parlando con voi. Li fa sentire come se preferiste stare da qualche altra parte.

7. Feedback positivo o sostegno

Le conversazioni lunghe sembreranno terribilmente unilaterali senza il feedback positivo dell'ascoltatore. Se state ascoltando una storia lunga, utilizzate dei segnali verbali come "uh uh," "OK" o "Capisco" in punti strategici della conversazione per confermare che state seguendo ancora la storia.

Potete trovare ulteriori suggerimenti su come iniziare e mantenere un'ottima conversazione qui:

8. Reindirizzare la conversazione se l'argomento sfugge di mano

Un paio di settimane fa ho parlato a un mio amico di come ho finalmente terminato la mia certificazione CMAS Open Water Diving e di tutte le meravigliose creature del mare che ho visto durante le nostre immersioni. Nel corso di questo discorso, ha menzionato un nostro comune amico, che avrebbe dovuto partecipare a quel viaggio e ottenere anche lui la certificazione. Il semplice accenno al suo nome ha fatto in modo che cambiassi discorso, spiegando perché non poteva venire a causa del suo orario di lavoro e di suo fratello che tornava a casa dalle vacanze.

Prima che ce ne rendiamo conto entrambi, ci scambiamo le storie del precedente incidente stradale di quest'amico. Non sono mai riuscito a finire la mia storia sulla mia gita subacquea del weekend

Le conversazione dispersive come queste accadono sempre. Una domanda può portare a un'altra conversazione, e prima che ve ne accorgiate, avrete trattato tre argomenti senza mai finirne uno.

In questo caso, sia voi che l'altra persona dovrete reindirizzare volutamente la conversazione all'argomento originale.

Dite qualcosa del tipo: "è bello sentir parlare di XYZ, ma continua innanzitutto a raccontarmi di (argomento originale)." In questo modo potete terminare la conversazione prima di passare a un'altra discussione.

Potreste chiedervi, cosa c'è di così importante del finire una storia prima di passare a un'altra? Difficilmente sentirete gli effetti della conversazione dispersiva se fate due chiacchiere con un amico. Ma lo noterete una volta che girerete a vuoto su di un argomento o in una importante riunione del team.

9. Ricordare i piccoli dettagli

Ricordare i punti chiave di una conversazione vi aiuterà quando è il vostro turno di parlare. Date, nomi, luoghi e altre informazioni pertinenti possono aiutarvi a fare domande di approfondimento per chiarire il messaggio dell'altra persona.

Anche se avete capito quello che ha detto, ripetere i dettagli della loro storia quando riepilogate le loro ragioni dimostra che avete capito e prestato attenzione.

Se prendete nota di questi dettagli, potete citarli la prossima volta che vi ritrovate con la persona, come spesso accade con le persone che si incontrano a eventi di networking.

Allenare le vostre abilità di ascolto

Abbiamo appena risposto alla domanda: perché è importante l'ascolto attivo? Ora è il momento di migliorare la vostra capacità di ascolto attivo.

Provate a osservare quanto bene ascoltate le conversazioni questa settimana. Comprendete e conservate le informazioni prima di rispondere alle conversazioni?

Una volta che ottenete un riferimento della vostra capacità di ascolto e identificate le aree specifiche di miglioramento, come il contatto visivo o i segnali verbali, potete quindi seguire i passaggi elencati qui e allenare le vostre abilità d'ascolto in ogni conversazione che avete.

Potreste sentirvi a disagio in un primo momento, non vi preoccupate. Se aiuta, potete dire all'altra persona che  state facendo degli esercizi per l'ascolto attivo per migliorare le vostre abilità di comunicazione.

Advertisement
Advertisement
Looking for something to help kick start your next project?
Envato Market has a range of items for sale to help get you started.