Advertisement
  1. Business
  2. Careers

Come licenziarsi (nel modo giusto) quando odiate (così tanto) il vostro lavoro

by
Difficulty:BeginnerLength:LongLanguages:

Italian (Italiano) translation by Cinzia Sgariglia (you can also view the original English article)

Erano le 8:30. Sono stato solo in ufficio per 15 minuti, ma sono già preoccupato per il lavoro davanti a me. Un altro giorno a dimenarmi per rispondere dalle 80 a 100 chiamate sull'assicurazione sulla vita.

I sogni frequenti giornalieri sul fine settimana e sul fare festa con i miei colleghi mi tiene sano di mente. Ma non importa quanto divertente fosse il fine settimana precedente, mi sono sempre sentito scarico e poco entusiasta di tornare al lavoro il lunedì.

Forse non avete esperienza con il servizio al cliente, ma forse potete capire lo stress che mi sentivo al lavoro. Ci sono un sacco di lavori che possono far sentire demoralizzati o scarichi.

Come chiudere correttamente un lavoro ed evitare decisioni sconsiderate

Come me, penso che voi vi siate sentiti tentati in precedenza di dire al vostro capo che state mollando. Forse avete persino considerato di non presentarvi il giorno successivo.

Non c'è niente di sbagliato con il sentirsi apatici e non impegnati al lavoro, purché voi non lasciate che questi sentimenti influenzino la vostra carriera e le vostre finanze. Dopo tutto, che cosa comporteranno le dimissioni, se siete così disperati per i soldi tanto da finire in un lavoro peggiore?

How to quit your job you hate properly
Siete pronti a lasciare quel lavoro che odiate? Siate sicuri di farlo nel modo giusto. (fonte foto)

Se odiate il vostro lavoro in questo momento, questo articolo è per voi. Vi mostrerò come chiudere correttamente il vostro lavoro — senza bruciare i ponti e tormentarvi con un sacco di debiti della carta di credito.

1.Pensarci bene

Non lasciate il vostro lavoro senza cercare di farlo funzionare

Vi state chiedendo cosa fare quando volete lasciare il vostro lavoro? Dovete pensarci su per prima cosa.

Come in una relazione, non dovreste lasciare un lavoro prima di fare del vostro meglio per farlo funzionare.

Un po' di introspezione aiuta qui. Chiedetevi:

  • Può il trasferimento in un team o in un reparto diverso farvi felice?
  • Sareste più comodi con un orario diverso?
  • Pensate che il vostro stipendio non sia proporzionale al vostro carico di lavoro o al vostro contributo all'azienda?
  • Avete eventuali rimostranze con il vostro capo o con i colleghi?

Una volta che si scoprite ciò che vi rende infelice, pianificate una riunione con il vostro capo per discutere i problemi. Cercate di non essere accusatorio quando li menzionate, anche se il problema è con il vostro capo. E se potete, venite con due possibili soluzioni così il vostro capo non sentirà che vi state solo lamentando.

La disponibilità del dirigente di far funzionare le cose è una buona indicazione che siete un dipendente prezioso, e c'è speranza per la vostra situazione all'interno dell'azienda.

Un suggerimento: Non dite al vostro capo dei vostri piani per dimettervi. Farlo è come appendersi le dimissioni sopra la testa e il probabile risultato sarà ponti bruciati e un licenziamento imprevisto.

Scrivete una lista dei pro e dei contro del vostro lavoro

Ma e se la radice del problema è qualcosa al di là di voi o del controllo del tuo capo?

Ora è il momento di considerare altre opzioni di impiego.

La prima cosa da fare quando odiate il vostro lavoro, e non c'è alcun modo di risolvere il problema, è scoprire esattamente che cosa detestate di esso. Siate specifici perché ogni pezzettino di informazioni serve come un indizio per trovare una carriera di cui vi innamorerete — o almeno non odierete così tanto.

Create una lista di pro e contro specificando ogni aspetto del vostro lavoro, come:

  • Orario
  • Supporto alla gestione
  • Stile di leadership del vostro capo: micro manager o stile di leadership passivo
  • Stipendio
  • Avanzamento di carriera e opportunità di apprendimento
  • Benefici per i dipendenti: 401K, assistenza sanitaria, asilo nido, palestra, ecc.
  • Persone che vi infastidiscono o rendeno il vostro lavoro più duro
  • Attività che amate
  • Attività trovate noiose
  • Attività per cui siete sottopagati o che superano la descrizione del vostro lavoro
  • Burocrazia aziendale che non vi piace
  • Commenti sui vostri colleghi

Niente è troppo insignificante per essere incluso in questo elenco, perché questo dipende dalla vostra situazione individuale al lavoro. Una persona può trovare i compiti  amministrativi come una pausa gradita dal lavoro che logora in eccesso la mente, mentre un altro dipendente potrebbe non avere abbastanza lavoro analitico e lamentarsi di operazioni 'troppo facili' e ripetitive da fare.

Lasciate che le voci pro sulla vostra lista servano come un indicatore per trovare un lavoro ideale che vi si adatti meglio, mentre evitate i lavori con gli elementi della lista negativa.

Conoscete le vostre perdite e pianificatele

Il vostro budget e i risparmi avranno un colpo al momento delle dimissioni.

Tra quanto tempo potrete ottenere un nuovo lavoro dipende dal vostro settore, dalla domanda di mercato per le vostre abilità e dallo stipendio desiderato. Tenete a mente:

Limitazioni di denaro

Se non disponete di nessun risparmio e siete costretti a utilizzare la vostra carta di credito, presto vi sentirete ansiosi e inizierà a mancarvi la busta paga che arrivava con il vostro lavoro precedente. D'altra parte, avere un libretto di risparmio considerevole conto vi fa guadagnare tempo per cercare un lavoro che vi piacerà, senza preoccuparvi per il vostro affitto, i generi alimentari e il denaro per la benzina.

In entrambi i casi, avere un budget mensile vi mostrerà quanto tempo durerà il vostro denaro. Siete preoccupati che i vostri fondi non dureranno fino a quando troverete un altro lavoro? Limitate le spese inutili, come mangiare fuori e gli acquisti, o trovatevi un lavoro part-time o un secondo lavoro.

Non contate sull'indennità di disoccupazione. La maggior parte degli Stati non forniscono l'indennità di disoccupazione se lasciate un lavoro di vostra iniziativa.

Assistenza sanitaria e 401k

Chiedete alle Risorse Umane del vostro datore di lavoro per quanto tempo funzionerà la copertura della vostra assistenza medica e dentistica dopo la data di dimissioni effettiva. Potete essere idonei a ottenere una copertura sanitaria continua attraverso il Consolidated Omnibus Budget Reconciliation Act (COBRA), ma se questo è troppo costoso, potete ottenere una copertura individuale o privata.

Informatevi sul vostro 401K o anche sui piani di pensionamento dell'azienda. Potreste avere l'opzione di riscuoterla una parte in contanti, se pensate che i vostri fondi non dureranno fino a quando troverete un altro lavoro.

2. Preparatevi ad abbandonare la nave

Non battete la fiacca

Lavorare duramente quando odiate il vostro lavoro è dura. È ancora più difficile se dovete farlo durante la ricerca del vostro prossimo datore di lavoro, ma abbiate pazienza. Non fate inutili assenze e non battete la fiacca sui progetti in corso. Potreste essere rimproverati o licenziati prima che siate pronti ad andare.

È meglio gestire questa situazione professionalmente. Anche se potete farla franca con un lavoro superficiale e ritardo, ve ne pentirete una volta che un potenziale datore di lavoro, esegua una ricerca sulle vostre esperienze pregresse.

Inviate le domande di lavoro e pianificate le interviste dopo le ore d'ufficio. Raccontate ai reclutatori che avrete bisogno di lavorare con loro per tenere tutto nascosto. Capiranno. Se non avete scelta, utilizzate le ferie disponibili per le interviste quando il vostro orario non è compatibile con la disponibilità dell'intervistatore.

È anche un bene darsi una regolata. Non pianificate troppe interviste nella stessa settimana, o quando vi state affrettando a consegnare un progetto puntualmente al vostro attuale lavoro.

Sfogate le vostre frustrazioni con persone di fiducia

Volete sapere come superare l'odio per il vostro lavoro? Condividete i vostri problemi con persone vicino a voi. Siate selettivi però.

Non dite vostri compagni di scrivania le vostre lamentele sul vostro lavoro e sul capo. Possono essere affidabili, ma non si sa mai chi sta ascoltando la conversazione.

È anche poco saggio inveire sui social network. I messaggi su Twitter sono ricercabili online e quasi chiunque può visualizzare il vostro feed su Twitter. Potete modificare le impostazioni pubbliche dei vostri post su Facebook. Ma questo non vi può garantire che gli amici reciproci che avete con il vostro capo e i colleghi non vedano le vostre invettive e facciano la spia su di voi.

Questo non significa che non potete sfogarvi, basta scegliere  con attenzione il vostro pubblico. Condividete i vostri sentimenti con gli amici non dell'ufficio davanti a una tazza di caffè, o parlate con i colleghi che hanno già lasciato l'azienda a causa degli stessi problemi che state avendo. Mentre lamentarsi non risolve nulla, è un buono sfogo per le frustrazioni represse. Vi sentirete meglio in seguito.

Aggiornate il vostro LinkedIn

Aggiornate il vostro account su LinkedIn, mentre lavorate e i dettagli dei vostri risultati, competenze e progetti in corso sono ancora freschi nella vostra memoria. Essere attivi su LinkedIn è segno di un dipendente esperto di tecnologia, poiché non tutti immagineranno che siete a caccia di lavoro se vedono gli aggiornamenti del profilo.

Se volete evitare discussioni, LinkedIn ha una funzionalità che consente di aggiornare il vostro profilo senza allertare la vostra rete. Solo le persone che hanno effettivamente visitato il vostro profilo prima e dopo l'aggiornamento sapranno che avete fatto le modifiche.

Una volta completato il vostro profilo, unitevi ai gruppi collegati al vostro lavoro attuale e futuro e iniziate a  collegarvi con i reclutatori che lavorano nel vostro settore.

Un suggerimento: Scrivete consigli per i vostri colleghi, i clienti, i subordinati e chiunque altro che abbia lavorato con voi in conseguenza del vostro lavoro. Le persone amano ottenere buoni consigli, e sono più propense a darvene uno in cambio anche se non lo chiedete. Questo è un modo per amplificare il vostro profilo senza rivelare la vostra intenzione di dimettervi.

Salvate tutto ciò di cui avrete bisogno per la ricerca di lavoro

Inviate informazioni non-proprietarie sul lavoro alla vostra email personale. Si tratta di documenti che possono essere inclusi nel vostro portfolio, i certificati di sessioni di formazione, premi vinti e informazioni su progetti precedenti che possono essere inclusi nel vostro curriculum. Lo stesso vale per i biglietti da visita, gli indirizzi email, le email personali e le informazioni di contatto dei colleghi e del vostro capo, nel caso in cui avete bisogno di informazioni su un progetto su cui avete lavorato.

Alcune aziende sono rigorose sul consentire ai dipendenti licenziati di tornare in ufficio, così raccogliete tutto ciò di cui che avrete bisogno, insieme agli effetti personali nel vostro ultimo giorno. Considerate tutto ciò che vi lasciate alle spalle inaccessibile al momento di lasciare l'ufficio.

Preparate il vostro curriculum e lettera di presentazione

Utilizzate le informazioni raccolte nel passaggio precedente per aggiornare il vostro curriculum. Se il vostro è già di due pagine, rimuovete i particolari della vecchia occupazione e le competenze inutili (a esempio MS Word) per fare spazio per i vostri ultimi risultati di carriera.

Non siete sicuri di cos'altro rimuovere dal vostro curriculum? Date un'occhiata alla mia guida su come rendere il vostro curriculum della lunghezza perfetta.

Un aggiornamento rapido non sarà sufficiente se state puntando a uno stipendio più grande, una promozione o una transizione di carriera. Ciò richiede una migliore cura nella scrittura del vostro curriculum. Perché?

A un reclutatore o manager delle Risorse Umane che vi dia quello che volete, prima dovete dimostrare che ne vale la pena, e il primo passo per realizzare questo è scrivere un curriculum che vi raffiguri come un alto valore e un candidato molto richiesto.

Queste guide al curriculum vi aiuteranno:

Inoltre, utilizzate un design per il curriculum professionale. Sfogliate i nostri migliori modelli di curriculum per trovare un fantastico disegno:

Iniziate la vostra ricerca di lavoro

Iniziate la vostra ricerca di lavoro con discrezione e non trasmettete che state cercando un lavoro su LinkedIn. Invece, verificate gli annunci di lavoro generali e di nicchia e inviate messaggi privati ai reclutatori con cui avete lavorato in passato tramite LinkedIn. Potete anche mettervi in comunicazione con l'ufficio carriere dell'alma mater per vedere che tipo di opportunità hanno disponibili.

Per evitare crolli e tenervi sulla strada giusta, seguite il piano di ricerca di lavoro di 30 giorni descritto qui:

Mirate alla qualità, non alla quantità nelle vostre domande di lavoro. Avrete una migliore possibilità di ottenere un colloquio con un curriculum su misura e una lettera di presentazione personalizzata.

Intervista come un professionista

Le risposte a braccio sembrano più naturali ma lo stile libero vi rende soggetti a errori, momenti imbarazzanti o peggio — silenzio imbarazzante.

Non volete che il selezionatore pensi che non siete a vostro agio a spiegare il vostro lavoro, giusto? Perché è l'impressione che create quando divagate e dimenticate cosa dire.

Evitate tutto questo con la ricerca e la pratica. Cercate le tipiche domande da intervista per il vostro obiettivo di lavoro e poi scrivete le vostre risposte.

Non dovete recitare le risposte sul colloquio effettivo. Basta leggerle un paio di volte un giorno prima e un'ora prima del colloquio, così potete facilmente ricordare i punti vitali nel caso in cui vi troviate in difficoltà.

Un'intervista è un bivio, quindi gli intervistatori si aspettano che i buoni candidati abbiano alcune domande. Sotto c'è una guida sulle domande argute da fare durante e dopo l'intervista:

3. Dopo aver ottenuto un nuovo lavoro

Rimanete professionali

Qualunque siano le vostre ragioni per le dimissioni, rimanete professionali. Non umiliate il vostro capo, o rendetelo imbarazzante ai vostri colleghi. Andare via in un tripudio di gloria, non è il modo migliore per lasciare un lavoro, non importa quanto fichi ci si senta.

Come lasciare correttamente un lavoro in 4 passi:

  1. Scrivete una lettera di dimissioni professionale ringraziando il vostro capo per tutto quello che avete imparato lavorando insieme. Tenete per voi i reclami e lamentele.
  2. Consegnate le tue dimissioni al vostro capo o al suo assistente. Potete inoltre inviarle via email, ma darle di persona è meglio.
  3. Il vostro capo vi parlerà probabilmente dopo aver letto la lettera. A seconda delle vostre abilità e della difficoltà a riempire la vostra posizione, vi chiederà di riconsiderare la vostra decisione o vi sarà consentito di muovervi dopo la comunicazione di preavviso richiesta dal vostro contratto.
  4. Chiedete una lettera di raccomandazione.

Qualunque cosa facciate, non dite al vostro capo del vostro nuovo lavoro. Mentre presumo che la maggior parte dei dirigenti vogliano il meglio per i loro dipendenti, questo non è sempre il caso. Così non lasciate nulla al caso.

Alcune aziende conducono colloqui finali per scoprire le tendenze dei logoramenti dei dipendenti. Questo è normalmente condotto dalle Risorse Umane o da una società terza, quindi potete divulgare le vostre ragioni di andarvene. Ma non siate troppo critici, come parti di questa intervista potrebbero essere condivisi con il vostro capo come parte degli sforzi di miglioramento dell'azienda.

Date il preavviso richiesto di due settimane (o più)

Date il tempo di preavviso richiesto indicato nel vostro contratto di lavoro. È normalmente di due settimane, ma ho sentito di aziende che richiedono fino a un mese di preavviso.

Utilizzate questo tempo per aiutare il vostro supervisore a trovare e formare il vostro sostituto. Riassumete i progetti in sospeso e se possibile, create un manuale o un documento di passaggio di consegne per rendere più facile la vita del sostituto.

Un suggerimento: Non sentitevi pressati a restare se il vostro supervisore vi chiede di lavorare più a lungo rispetto al tempo richiesto. Non siete obbligati a rimanere dopo che avete reso il preavviso necessario, e voi non dovreste compromettere il vostro prossimo lavoro per aiutare il vostro ex capo.

Resistete alla controfferta

L'ho visto più volte: un dipendente si dimette ma è dissuaso dal lasciare a causa di una controfferta.

Non finisce mai bene.

Perché?

La direzione pensa a voi come rischio di fuga che non sia fedele all'azienda. Dubiteranno anche dei vostri obiettivi di carriera, perché un aumento stipendio era sufficiente per attirarvi indietro. Oltre a tutto questo, la direzione ha maggiori aspettative perché ora siete pagati più dei vostri colleghi. A meno che le vostre prestazioni battano i vostri precedenti, la direzione penserà che lo stipendio aggiuntivo che vi hanno offerto non stia dando i rendimenti che si aspettano.

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Looking for something to help kick start your next project?
Envato Market has a range of items for sale to help get you started.